Francesco Delzio | La ribellione delle imprese
22796
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-22796,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
La ribellione delle imprese
In piazza. Senza PIL e senza partiti

Dopo la ribellione delle Masse, con un rovesciamento di ruoli senza precedenti la Storia ci sta ponendo di fronte alla ribellione delle Imprese.
Sessant’anni fa Ayn Rand ne La rivolta di Atlante aveva previsto che – in un futuro imprecisato – sarebbe avvenuta la sollevazione dei prime movers: la rivolta degli imprenditori contro il collettivismo. Sembrava pura fantasia.
Ma è ciò che sta accadendo, 60 anni dopo, in Italia.

Come è potuto succedere? L’imprenditore oggi è costretto a vivere la stagione del populismo in una condizione, inedita, di “emarginazione sociale”. Costretto a fare i conti con un PIL che non cresce più e con il trionfo dei partiti che difendono le ragioni della Rendita, rispetto a quelle della Produzione.

Imprenditori piccolissimi, piccoli, medi e grandi non hanno più riferimenti, spettatori smarriti di una politica nazionale in cui non si riconoscono più. Poiché la loro voce non è più “privilegiata” – uno vale uno, nell’era Rousseau – sono costretti a scendere in Piazza. E molto presto potrebbero farlo, ufficialmente e stabilmente, a fianco di sindacalisti e lavoratori.

La rivolta della Produzione contro la Rendita.

Store Rubbettino Editore
AMAZON
Calendario eventi

18 Giugno | h 17.00

presso I Com

26 Giugno | h 19.00

Fano, Festival della saggistica

2 Luglio | h 17.00

Milano

Gli eventi di presentazione
La rassegna stampa
Avvenire

(6 luglio 2019)

Prima

(1 luglio 2019)

Vanity Fair

(10 luglio 2019)

Affari italiani

(2 luglio 2019)

Milano Finanza

(2 luglio 2019)

Nazione-Carlino-Giorno

(2 luglio 2019)

Huffingtonpost

(1 luglio 2019)

Il Messaggero

(27 giugno 2019)

Avvenire

(21 giugno 2019)

Corriere della sera

(14 giugno 2019)

Il Sole 24 Ore

(14 giugno 2019)